Disarmisti esigenti: chi siamo, cosa facciamo, verso dove andiamo

I “Disarmisti esigenti” sono una coalizione sociale di organizzazioni, nonché di attiviste e attivisti e personalità nonviolente, stimolate dall'appello di Stéphane Hessel ed Albert Jacquard, intellettuali e partigiani francesi, ad “esigere un disarmo nucleare totale”; un accordo operativo che si costituisce come strumento culturale e politico per radicare anche in Italia la Campagna internazionale per l'abolizione delle armi nucleari.

Essi promuovono e sostengono le altre importanti campagne che riteniamo ad essa (la campagna, appunto, per il bando giuridico degli ordigni nucleari) collegate, nella direzione del disarmo e della pace:

1) il sostegno al disarmo “atomico” con la motivazione che è un “diritto dell'Umanità” poter vivere libera da tutte le minacce che attentano alla sua sopravvivenza (ed in ogni caso alla dignità di una esistenza civile);

2) la rimozione delle armi nucleari USA dalle basi e dai porti italiani, nel contesto della rimozione di tutte le armi nucleari dall'Europa: la condivisione nucleare NATO va soppressa e la stessa NATO andrebbe sciolta in quanto incompatibile con “un ordine internazionale fondato sulla giustizia e sulla pace”;

3) consapevoli del legame inscindibile esistente tra attuale nucleare “civile” e nucleare militare, la denuclearizzazione dell'Europa e, in particolare in Italia, facendo perno sull'attuazione coerente del referendum antinucleare vinto dalla cittadinanza attiva nel giugno 2011.

Premessa la nostra stretta collaborazione con organizzazzioni come INNPW Italia e IALANA Italia, ed un rapporto di fiancheggiamento “trasversale” con parlamentari sensibili al disarmo e alla pace, è questo che segue, allo stato (marzo 2017), l'elenco dei gruppi di base che hanno organizzato il nostro percorso, nato nel 2014 con la pubblicazione, da parte di Ediesse, dell'edizione italiana del pamphlet “ESIGETE! Un disarmo nucleare totale”, di Stéphane Hessel ed Albert Jacquard, curato da Mario Agostinelli, Luigi Mosca e Alfonso Navarra.

Fermiamo chi scherza col fuoco atomico, progetto della Campagna per l'obiezione di coscienza alle spese militari (www.osmdpn.it)

WILPF Italia

Associazione Energia Felice

Armes Nucléaires STOP

Accademia Kronos

Peacelink

MUN Milano

Movimento Internazionale della Riconciliazione (referente italiano IFOR)

Scuola di Nonviolenza

Noi siamo Chiesa

Pressenza

LOC (tra i referenti italiani WRI)

LDU

CDMPI

Verde Vigna Comiso

Rete bioregionale italiana

CETRI

GRUPPI LOCALI DELLA LOMBARDIA

Progetto “Per non dimenticare – Città di Nova Milanese e Bolzano”

Soccorso Verde Milano

Città Verde

FIOM Lombardia

ANPI di Nova Milanese

Difendiamo la salute

Terra nuestra

ALTRI GRUPPI LOCALI

Circolo vegetariano Calcata

L'architettura organizzativa prevede al momento due portavoci (Alfonso Navarra e Antonia Sani), un coordinamento organizzativo dei promotori (che include Giovanna Pagani, Luigi Mosca, Mario Agostinelli, Ennio La Malfa, Giuseppe Bruzzone, Alessandro Marescotti, Olivier Turquet, Claudio Carrara, Francesco Lo Cascio), un Comitato operativo di attivisti ed esperti impegnati in una continua consultazione telematica (Alex Zanotelli, Lidia Menapace, Alberto L'Abate, Angelo Baracca, Giorgio Nebbia, Michele Dipaoloantonio, Manlio Giacanelli, Vittorio Bellavite, Virginio Bettini, Laura Tussi, Fabrizio Cracolici, Fabio Strazzeri, Giuseppe Farinella, Consiglia Farinella, Luigi Cadelli, Umberto Santino, Davide Grassi, Tiziano Cardosi, Vittorio Pallotti, Luciano Zambelli, Roberto Brambilla, Adriano Ciccioni, Angelo Consoli, Antonella Nappi).

Per adesso ci appoggiamo su Internet al sito web degli obiettori di coscienza alle spese militari (www.osmdpn.it) ma stiamo aprendo un organo telematico indipendente. Il sito in costruzione è www.disarmistiesigenti.it, che andrà in sinergia con il magazine telematico “Il Sole di Parigi”.

La nostra attività consiste in:

- partecipazione alle conferenze internazionali per il disarmo e per l'ecosviluppo: Vienna, Parigi, Ginevra, New York...

- organizzazione di conferenze stampa in sedi istituzionali con parlamentari sensibilizzati (Roberto Cotti, Paolo Bolognesi, Filiberto Zaratti, Loredana De Petris)

Solo nel 2016:

3 novembre 2016 presso la Sala stampa del Senato a Roma con la senatrice Loredana De Petris (Sinistra Italiana) e Roberto Cotti (eletto del M5S al Senato)

15 aprile 2016 a Roma alla Casa Internazionale delle donne, con l'intervento del missionario comboniano Padre Alex Zanotelli, con la partecipazione di Roberto Cotti, cittadino eletto al Senato per il M5S; e con proposte di Ennio La Malfa, Accademia Kronos, Luigi Mosca, Armes Nucléaires STOP, Alba Brighella, Coordinamento Nazionale No TRIV, Giuseppe Bruzzone, obiettore di coscienza "fornariano", Patrick Boylan, Rete No War Roma, Alfonso Navarra (OSM), Giovanna Pagani, WILPF Italia

26 febbario 2016 presso la Sala stampa della Camera a Roma Presenti l’on. Filiberto Zaratti (Sinistra Italiana) e Roberto Cotti (eletto del M5S al Senato)

- interventi sui media: Radio Radicale, Il Manifesto, Teleambiente, Telelibera, Mosaico di pace, Difesaambiente, Pressenza,PeaceLink, TG Vallesusa, Massa Critica, L'Antidiplomatico, Il Dialogo, La Bottega dei Barbieri, OverTheDoors, ONUItalia, Unimondo, Inchiestaonline, Fuoritempo, La Città Futura, TELLUSfolio, La Rete delle Reti, Reti di Pace, Nimbus, Girodivite, Progetto Alternativo, SOS Diritti Umani, Inkroci, Cosmopolitica, Notiziario AK,

- raccolta di firme sei petizioni on line, qui di seguito elencate:

www.petizioni24.com/italiaperilbandoanewyork

www.petizioni24.com/italiaperilbando

www.petizioni24.com/bastaguerrafredda

www.petizioni24.com/dirittoaldisarmonucleare

www.petizioni24.com/ratificareparigi

www.petizioni24.com/esigiamo

- diffusione nelle scuole della mostra grafica: “Esigiamo! Il disarmo nucleare totale”

- presentazione di libri e organizzazione di convegni e dibattiti pubblici su tutto il territorio italiano

Un importante convegno è stato organizzato a Palermo il 23 settembre 2016 presso l’ex Noviziato dei Crociferi. Titolo: “Pace, difesa, sicurezza nel Mediterraneo e in Medio Oriente”.

L’evento è stato promosso da Disarmisti Esigenti – LOC – LDU – MIR Palermo – Verde Vigna di Comiso – WILPF Italia – Campagna OSM-DPN, ed ha visto la partecipazione attraverso un contributo video di Alberto L’Abate, della Rete IPRI-CCP, di Olivier Turquet, coordinatore di Pressenza Italia e di Ermete Ferraro del MIR di Napoli mentre in sala si sono susseguiti gli interessanti inteventi del prof. Luigi Mosca (Armes Nucléaires Stop), di Umberto Santino (CSD Impastato), di Marco Siino (Coordinamento dei Comitati No Muos e MIR di Palermo), di Barbara Gallo (Archivio Disarmo), di Giovanna Pagani (WILPF Italia), di Roberto Cotti (senatore M5S) e di Enrico Piovesana (Osservatorio spese militari).

L’incontro è stato condotto da Francesco Lo Cascio, Presidente del MIR Palermo e Alfonso Navarra, portavoce dei “Disarmisti esigenti”.

Il dibattito ha visto la partecipazione inoltre di Davide Grassi, figlio di Libero, e quella telefonica di Alex Zanotelli, missionario comboniano.

- iniziative didattiche in collaborazione con MUN Milano presso il Liceo Linguistico Manzoni: tra l'altro è stato proiettato il film “The man who saved the world” il 26 ottobre 2016, dedicato alla vicenda della guerra nucleare evitata da Stanislav Petrov

- iniziative di cultura della pace in collaborazione con A.P.E. (Arte-Pace-Energia promotore dell'Osservatorio per l'attuazione dell'accordo di Parigi sul clima)

- collaborazione con Energia Felice nel Network antinucleare europeo, per la conversione ecologica ed un modello energetico rinnovabile al 100%

E' stato importante qualitativamente il Seminario giuridico di Villarfocchiardo (25-26 settembre 2015), organizzato con la collaborazione del Comune.

Abbiamo in cantiere:

- un gruppo di lavoro per contribuire alla redazione di un Trattato internazionale per l'abolizione delle armi nucleari;

- la premiazione istituzionale in Italia di Stanislav Petrov, che abbiamo proposto alla Presidente della Camera Laura Boldrini

- il coordinamento di lotta degli 11 porti nucleari (allargabile anche ai siti di Ghedi, Aviano, Longare)

- una carovana antinucleare europea

- la redazione del sito e dell'organo telematico “Il sole di Parigi”

Tutta l'attività è autofinanziata e senza fini di lucro e dipende esclusivamente dai liberi contributi degli aderenti e dei simpatizzanti. Si diventerà partner progettuale del costituendo Osservatorio per l'attuazione dell'accordo di Parigi.